Visa sembra rimuovere le banche partner nei pagamenti transfrontalieri – inciderà su Ripple (XRP)?

Il principale fornitore di servizi finanziari Visa avrebbe lanciato una nuova rete che mira ad eliminare le banche di corrispondenza nei pagamenti transfrontalieri. Soprannominato “Visa B2B Connect”, il sistema contiene elementi della tecnologia di contabilità distribuita, ossia elementi di Hyperledger Fabric.

L’obiettivo di Visa è quello di eliminare gli intermediari

Visa è uno dei maggiori fornitori di servizi finanziari al mondo, con centinaia di migliaia di persone che utilizzano quotidianamente le sue carte per una vasta gamma di attività diverse. Ora, la società ha apparentemente lanciato una nuova rete denominata “Visa B2B Connect” che si rivolge alla propria clientela aziendale e mira ad eliminare le banche corrispondenti per i pagamenti transfrontalieri.

Secondo Reuters, la rete mira a semplificare i pagamenti internazionali consentendo alle imprese di effettuare transazioni dirette tra loro senza dover utilizzare la rete di corrispondenti bancari. Si presume che ciò possa tradursi in operazioni più rapide e ridurre la complessità di questi trasferimenti.

Più interessante, tuttavia, Visa ha adottato un approccio che mette in evidenza i vantaggi della tecnologia ledger distribuita. Infatti, l’azienda ha scelto di utilizzare aspetti di Hyperledger Fabric – un ledger distribuito open source che è stato sviluppato dalla Linux Foundation nel tentativo di spingere ulteriormente l’adozione della blockchain. È stato costruito in partnership con aziende del settore, tra cui FIS, IBM, e Bottomline e Bottomline, tra le tante altre.

Problemi per Ripple?

L’incursione di Visa nei pagamenti transfrontalieri è sempre stata alquanto intimidatoria per Ripple, poiché quest’ultimo pone un’enorme enfasi su questa particolare capacità della sua .

Alla fine del 2018, Ripple ha lanciato la sua tecnologia xRapid, che mira a ridurre significativamente i tempi e i costi per l’invio di pagamenti internazionali.

Tuttavia, una società così come Visa avrà probabilmente maggiori possibilità di implementare la propria rete e di ottenere nuovi partner a bordo.

Allo stesso tempo, tuttavia, Ripple fa parte del consorzio Hyperledger e fornisce il protocollo Interledger (ILP) in Java per uso aziendale.

Vale anche la pena di notare che già nel 2018 Visa ha acquistato la società di pagamenti britannica Earthport per circa 250 milioni di dollari. Earthport è un partner di Ripple. La loro collaborazione mira a integrare il protocollo di Ripple nella rete di pagamento esistente di Earthport al fine di migliorare le transazioni internazionali.

Al momento della stesura del presente documento, non ci sono informazioni disponibili sulle intenzioni di Visa e su quanto sia stretta la connessione con Hyperledger. Tuttavia, la mossa evidenzia definitivamente i vantaggi che la tecnologia ledger distribuita può introdurre. Inoltre, dimostra che anche le società di pagamento tradizionali stanno iniziando a riconoscerla.

Valuta questo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *