Che cos’è un meccanismo di consenso?

I principali meccanismi di consenso sono PoW, PoS e DPoS. Potreste averne sentito parlare e non siete chiari su cosa significano questi acronimi. In questo articolo vi daremo maggiori dettagli su cosa sono e quali sono le loro principali differenze.

Consenso – una parola elegante che significa “accordo generale” è una componente importante della tecnologia blockchain. Invece di avere un’autorità per mantenere conti centralizzati in un’unica entità (come una banca o un sistema di pagamento online centralizzato), le valute crittografiche utilizzano registri distribuiti o catene di blocco per registrare le informazioni. Per poter registrare le informazioni in questa catena di blocco è necessario un accordo generale. Tutti i meccanismi di consenso mirano a proteggere la rete rendendo più costoso l’attacco e più redditizio per contribuire a proteggerla. In altre parole, un meccanismo di consenso protegge la blockchain delle informazioni con l’obiettivo di far crollare la rete.

Prova di lavoro (PoW)

Nel meccanismo della Proof of Work (PoW), i computer di rete (minatori) lavorano per risolvere ripetutamente un puzzle crittografico costituito dalla funzione matematica (hash). Bitcoin per esempio, il primo computer o rete di computer che trova un hash con proprietà specifiche viene premiato con qualche Bitcoin ogni 10 minuti circa. Questa è la prova che hanno fatto il lavoro necessario per verificare tutte le transazioni in un blocco come valido ed è permesso di aggiungerlo alla catena di blocchi. Se qualcuno volesse attaccare la rete Bitcoin per inserire informazioni fraudolente, dovrebbe spendere molte energie per estrarre i blocchi, quindi questo agisce da deterrente.

Poiché il PoW è considerato inefficiente dal punto di vista energetico ed ecologico, insieme ad altri svantaggi che rendono il Bitcoin non così decentralizzato come dovrebbe essere, le nuove criptovalute stanno adottando altri meccanismi di consenso.

Prova di partecipazione (PoS)

La prova di partecipazione o Proof of Stake (PoS) non richiede l’esecuzione di calcoli ripetitivi da parte dei computer, il che lo rende più rispettoso per l’ambiente. Questo meccanismo sostituisce i minatori con validatori, un gruppo di utenti che hanno la criptomoneta in questione nel loro portafoglio virtuale. Come funziona il test di partecipazione? Un gruppo di validatori propone e vota a turno il blocco successivo e il valore del voto di ciascun validatore dipende dall’entità della loro partecipazione. Quando i validatori scoprono un blocco che credono possa essere aggiunto alla catena di blocchi, lo convalidano scommettendoci sopra. I validatori riceveranno una ricompensa proporzionale alle loro scommesse. Chiunque possieda la criptomoneta può diventare un validatore.

Test di partecipazione delegata (dPoS)

La delegated Proof of Stake (DPoS) è un meccanismo più efficiente. Il DPoS utilizza un sistema di reputazione e di voto in tempo reale per raggiungere il consenso. I membri della comunità votano per i super rappresentanti per proteggere la loro rete e i super rappresentanti saranno ricompensati convalidando le transazioni per il prossimo blocco.

Super Rappresentante

Poiché il voto in DPoS è sempre in corso, se un super rappresentante non si comporta bene, la gente nella comunità può eliminare il proprio voto, essenzialmente licenziando il cattivo rappresentante. Il super rappresentante deve sempre fare tutto il possibile per rispettare tutte le regole e mantenere il più alto possibile il tempo di attività della rete, altrimenti il super rappresentante può essere rovesciato dai membri della sua comunità.

Meccanismi di consenso nelle criptovalute
5 (100%) 1 vote